Share il Voto rapido

Poll link

Copia

includi il widget

Larghezza del widget

500 px
350 px
250 px
Personalizza
Copia
Anteprima

Includi Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Potrebbe essere necessario inviare cookies sul tuo computer, per aiutarci a migliorare il nostro sito. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookies, e selezionare quali tipi di cookies vuoi accettare, visita la nostra Privacy

falcediluna sta utilizzando Toluna per creare nuovi sondaggi e potrai farlo pure tu, registrandoti adesso.


falcediluna

38 mesi fa

Lacrime... Rossovermiglio
Chiudi

"...tutte le lacrime...che non possono solcarti le guance se ne vanno da un' altra parte, scavano dentro, sotterranee come certi fiumi, anzi, incanalate così hanno una forza e una violenza che brucia e corrode, consuma il cuore e allappa il cervello come i cachi acerbi..."
Secondo me questa è la frase più incisiva del romanzo Rossovermiglio, premio Campiello 2008, nonostante le bellissime immagini di una Torino fine anni '20 e delle stupende colline del Chianti.
Mi riportano a tutte le volte che un dolore inespresso è divenuto insostenibile e lacerante.
Rispondi

rooberto

  37 mesi fa
E già , è proprio vero purtroppo; meglio sfogarsi, magari di nascosto e lasciarle scorrere sul viso. Poi ci si sente un pò meglio e quasi alleggeriti. 04/05 op.120
0 commenti

tiziana178

  37 mesi fa
Non ho letto quel libro perchè non mi ispirava tanto......
0 commenti

gerardina lanzalotti

  37 mesi fa
Soprattutto noi donne conosciamo bene il significato profondo di queste parole.........
0 commenti

musicista

  37 mesi fa
Ho letto questo romanzo, mi è piaciuto, soprattutto nelle pagine in cui la protagonista decide di ritirarsi nella campagna senese. E' un romanzo senza grandissimi momenti di pathos, ma comunque piacevole. Di questa frase che riporti ritengo sia estremamente reale l'immagine dei cachi acerbi assimilati alla forza distruttiva delle lacrime non piante. Mi sono capitate entrambe le cose: mangiare cachi acerbi e non riuscire a piangere. Non saprei dire nulla di meglio della scrittrice. Non saprei trovare parole migliori per esprimere il peso sul cuore di tutte le lacrime non piante.
0 commenti

chiccoaderik

  38 mesi fa
bellissime parole. Fanno riflettere. Molto molto commoventi. Ma quante lacrime davvero versiamo per tantissimi motivi
0 commenti

Friffa

  38 mesi fa
è verissimo, piangere è uno sfogo sacrosanto...tenersi i sentimenti dentro corrode,ingigantisce il problema...
0 commenti

max.29

  38 mesi fa
bel romanzo. perche non ne scrivi qualcunaltro
0 commenti

fiorefri

  38 mesi fa
grazie di aver condiviso questo pensiero . . . . .
0 commenti

lauramariacostanza

  38 mesi fa
Ma che belle parole..... - - - - - - - - - - - - - - - -
0 commenti

cityman1

  38 mesi fa
ti aspetto da me . . a presto . o p n 1 0 8
0 commenti

Voti rapidi e opinioni correlati


Chiudi

Condividi via email

Aggiungi contatti


Annulla
Invia

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Completa la tua registrazione
Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica
Magari più tardi...