Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

manila888

  64 mesi fa

Bambini di oggi.... adulti di domani
Chiudi

Buona sera Toluniani,
oggi voglio condividere con voi una riflessione sui bambini di oggi che saranno gli adulti di domani.
Oggi giorno i bambini cominciano la scuola dal nido, quindi praticamente appena nati, un po’ di allattamento e poi via a scuola, perché i genitori devono lavorare e i nonni sono impegnati.
Quindi questi piccoli si ritrovano a crescere praticamente con una maestra completamente estranea, fanno tantissime attività, imparano prima l’inglese e poi l’italiano, prima a dipingere e poi a camminare, insomma sono bombardati da tantissimi input già in tenera età…..
A questo punto mi chiedo, questi bimbi saranno tutti futuri geni, o una volta grandi, saranno già annoiati? Che relazioni avranno, visto che i genitori li vedono un paio d’ore la sera, e li mettono davanti alla tv o al cellulare perché hanno da fare, e non ci sono più i nonni di una volta? Quali saranno i loro ricordi, se non quelli trascorsi a scuola?

Io ancora ricordo le belle passeggiate con i miei nonni, la neve con lo sciroppo di menta (Ora impossibili da mangiare causa inquinamento :-P), il sabato e la domenica con i miei genitori, i dolci fatti con la mamma, l’aquilone costruito con il papà, ricordi che porterò con me per sempre, ricordi che mi hanno fatto affrontare la vita in modo diverso, chi sa se i nuovi bambini li avranno, oggi crescono con gli specialisti della crescita dell’educazione, hanno tutti dei problemi, se sono troppo svegli, bisogna portarli dal neuropsichiatra, se sono troppo timidi, ci vuole lo psicologo, poi se non parla la logopedista, poi la ginnastica, il canto, il ballo insomma una vita frenetica studiata a tavolino fin da piccoli.

Io non sono molto d’accordo, penso che i bambini, soprattutto fino ai cinque anni dovrebbero passare molto tempo con la famiglia, approfondire quei legami che si porteranno per tutta la vita.
Voi cosa ne pensate, pensate che il nuovo modo di educare i bambini sia giusto?
Rispondi

Valeria906

  64 mesi fa
Sono figli di una generazione che vive correndo..inseguendo sempre qualcosa anche magari non sapendo bene cosa..non ci sono piú bambini ma piccoli adulti..
1 commenti

TeamTolunaItalia

  64 mesi fa
Ciao manila888, ti abbiamo regalato dei punti grazie al tuo post! Per guadagnarne altri continua a pubblicare contenuti aggiungendo immagini e video. Per ulteriori informazioni su come creare contenuti eccellenti e guadagnare punti clicca su questo link: http://tolu.na/l/j8C4YtW Ps: ricordati che ci piacciono le opinioni ;)
1 commenti

geisda

  64 mesi fa
Allora diciamo che questo è un super argomento delicato. Io sono sempre stata per il nido , perchè non volevo obbligare i nonni a dover gestire e dover essere sempre vincolati ai miei bimbi, cosi con il nido mi sarei organizzata tra lavoro e nido e una tata quando sarebbero stati ammalati. Ma quando è stato il momento di rientrare al lavoro, sia con il grande che con il piccolo, i nonni mi avrebber mangiata viva se non gli avessi lasciati da loro, sia mia mamma che i miei suoceri. E tornassi indietro lo rifarei cinquanta mila volte, primo per una questione di soldi, c'è l'avrei fatta a pagare il nido ma con moltissimi sacrifici che tutti fanno, secondo perchè stare con i nonni è troppo super. Vengono coccolati e viziati ( e ci stà) io ho dei bellissimi ricordi di quando mia mamma lavorava e dovevo stare dalla mia nonna. Il nonno sta insegnando ai miei ometti come si lavora la campagna e loro si divertono un mondo partono con i loro stivaletti e via a giocare.,....con tanto di terra fango e acqua il top.... e con la nonna invece si fa i gnocchi il pane le torte e sti giorni gli sta insegnando a mettere i bottoni.Insieme fanno delle bellissime passeggiate, fanno la merenda e si divertono assieme. cosa importante è cmq che i nonni almeno i miei non sostituiscono mai i genitori, per qualsiasi cosa che non va loro alzano il telefono e mi chiamano, se c'è da rimproverarlo o chiedere qualche permesso. certo non è una fortuna di tutti ma se potete lasciato ai vostri genitori o suoceri che siete sicuri che i vostri bimbi sono in mani fidate
1 commenti

giuliana.merli

  64 mesi fa
Penso anch'io che i figli dovrebbero stare maggiormente oggi in contatto con i genitori oggi: la vota è costosa però e bisogna lavorare per mantenerli. Con uno stipendio, solo se per es. hai l'affitto da pagare , non ce la fai proprio. Questo è il dramma!
1 commenti

katane

  64 mesi fa
Mia figlia frequenta il nido da quando aveva 6 mesi, un luogo raccolto, semplice, senza fronzoli, gestito da una famiglia con figli e con pochi bimbi. Le maestre sono zie e i compagnetti i cuginetti che lei adora e che la adorano. Al nido quando vuole gioca e fa attività, diversamente può dormire o farsi coccolare. Quando rincasiamo non sta davanti la TV ma giochiamo insieme, cuciniamo, mangiamo, balliamo, ecc anche quando sono morta di stanchezza. Non andiamo a letto presto perché dobbiamo recuperare il tempo perduto. Non impara l'inglese a scuola ma parla 4 lingue con mamma per il semplice gusto di ridere quando sbagliamo, senza avere la presunzione di farla diventare multilingua. Inventiamo canzoni e facciamo le cose più strampalate, compreso le capriole (io anche). Andiamo in vacanza insieme e piuttosto che fare gita culturale i genitori fanno gita dimagrante per starle dietro, a proposito, conosco tutti i parchi giochi della Croazia se avete bisogno. Potrei continuare all'infinito...
I bambini saranno ciò che devono essere, è la società che non è quella di una volta, loro sono più svegli rispetto a noi e spero anche migliori!
Anch'io sono dell'idea che mia figlia dovrebbe crescere con me ma se lasciassi il lavoro finiremmo per morire di fame tutti e tre, allora che fare? Allora chiudo gli occhi, mi violento mentalmente e psicologicamente e continuo questa vita che mi soddisfa solo perché ho lei.
Per quanto mi riguarda con i nonni sarebbe cresciuta eccessivamente viziata e prepotente, abbiamo gli esempi lampanti in famiglia.
La passeggiata con i nonni da grande la ricorderà, il nonno le costruirà l'aquilone e le insegnerà a riparare la ruota della bicicletta. Io ho imparato a fare un sacco di cose da quelli più grandi, i miei genitori erano giorno e notte al lavoro e i miei nonni troppo indaffarati lui con il lavoro e lei con le faccende domestiche. A me piacerebbe che i nonni facessero i nonni e non il surrogato dei genitori.
Come cresceranno i nostri bimbi figli dipende in buona parte da noi, non dal fatto che crescano in un nido o in casa con i nonni.
Grazie per avermi dato la possibilità di esprimere il mio pensiero.
1 commenti

UvaFragola

  64 mesi fa
Non so se è giusto o sbagliato ma credo dipenda molto anche dalla educazione che hanno avuto i genitori in questione e se vogliano tramandarla anche ai figli o si vogliano adeguare alle non regole della società attuale....
Mi ricordo quando ero piccola sentivo i parenti più anziani lamentarsi della società di quegli anni, così libertina, senza regole, poca educazione... sembra una situazione analoga a quella odierna... ma dopo un po' di anni, quando gli anziani non si sono più, i bambini crescono con quelle regole più "elastiche"... in generale le persone a quei cambiamenti e guardano di volta in volta alle nuove novità...
2 commenti

Max-777

  64 mesi fa
Non credo ci sia un modo giusto o uno sbagliato.... i genitori fanno quello che possono.... quando ero piccolo lavorava solo mio padre e i soldi bastavano per arrivare a fine mese.... adesso se dovessi lavorare solo io non arriveremmo neanche a metà mese!!! Quindi è normale che si lavori in due a discapito del tempo che si passa con i figli... ma non credo che un bambino ben educato e felice dipenda dal numero di ore che passi con lui... ma dalla qualità del tempo che passi con tuo figlio.... inutile stare giornate insieme se poi uno sta al cellulare e l'altro attaccato alla tv.... meglio poche ore ma a giocare e ridere....
ho la fortuna di avere tre figli sorridenti e molto solari... che non sono cresciuti stando a casa con una mamma con loro 24 ore su 24 e un papà sempre a loro disposizione.... sono andati all'asilo e di pomeriggio spesso guardavano la tv.... ma non sono mai andati a dormire senza che gli leggessimo una fiaba o che gli raccontassimo una storia inventata su due piedi.... magari erano pochi minuti.... ma di altissima qualità...... se un bambino quando torna a casa da scuola trova un ambiente felice non avrà problemi a crescere bene....
1 commenti

blin79

  64 mesi fa
Purtroppo oggi sono cambiate tante cose: una volta la mamma poteva restare a casa, ora se molli il lavoro non lo trovi più ...I nonni spesso abitavano insieme O vicino, ora no....Mio figlio ha iniziato il nido a 4 mesi, io sono dovuta subito tornare a lavoro e non ho più i genitori e quelli di mio marito abitano un po' distanti da noi, quindi vengono 1/2 volte a settimana. Però sono sempre stata convinta che i figli debbano essere cresciuti dai genitori, quindi ho deciso di lavorare solo mezza giornata per potere stare di più con lui. Credo che faccia bene al bimbo stare con i suoi coetanei (il mio va in un nido domiciliare per 3 ore al giorno e sono 7 bimbi in tutto), imparare a condividere, magari anche a litigare e fare pace...Ma la maggior parte della sua giornata la deve passare con i genitori!!
Secondo me il problema dei bimbi di oggi è che, come scrivi tu, sono iperstimolati, non sanno cos'é la noia, non hanno più contatti con la natura, non gli lasciamo il tempo di usare la fantasia per creare un gioco: mi ricordo che da piccola andavo in càmpagna dai nonni e con i miei cugini giocavamo con la terra, facevamo sculture e ci sporcavamo, prendevamo chiodi e martello e costruivamo sgabelli, carretti....Ora basta che tocchi un filo d'erba e via subito a pulire le mani con l'amuchina!
1 commenti

WD35

  64 mesi fa
Non si nasce genitori...lo si diventa....e si ha la possibilità di crescere..maturare...imparare grazie ai figli.....anch'io ho tantissimi bei ricordi..molti simili ai tuoi...ma ne ho anche di meno belli.....dal non voler ritornare a casa da scuola...perché avrei subito un'indagine e 1000000 di rimproveri da parte di mia madre...che non mi voleva tra i piedi e velocemente mi spediva nei campi dal mio adorato papà.....a scuola ci stavo bene le maestre mi coccolavano..pettinavano...facevano sentire amata....a casa le cose erano diverse....quindi non sono la persona più adatta alla tua opi.....non so cosa oggi sia meglio.....certo è che ciò che viviamo ci segna e scava solchi formando il nostro bagaglio di ricordi
1 commenti

monia.d.

  64 mesi fa
La penso come te vedendo i miei nipoti...........i loro ricordi sarà un tablet con il quale giocano tutto il tempo......verissimo ahimè!
1 commenti

Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica