Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

TeamTolunaItalia

  5 mesi fa

Perché piangiamo?
Chiudi

Alcuni trovano la guarigione nel pianto, mentre altri considerano il pianto fastidioso e persino imbarazzante. Ma qual è il legame tra occhi che piangono e forti emozioni? A volte non sappiamo nemmeno noi stessi perché piangiamo. Non piangiamo solo quando siamo tristi, ma anche quando siamo felici.

Allora cosa succede esattamente nel corpo quando piangiamo? Intorno all'occhio c'è un sistema lacrimale che crea il fluido che mantiene gli occhi umidi e che scorre lungo le guance quando siamo tristi, arrabbiati, felici o quando tagliamo le cipolle, per esempio.

Il liquido lacrimale si forma nelle ghiandole lacrimali che si trovano appena sopra i bulbi oculari. Il liquido è necessario per evitare che gli occhi si secchino, e il liquido viene scaricato dal naso attraverso il condotto lacrimale. Quando si piange, si verifica un'inondazione negli occhi poiché il condotto lacrimale non è in grado di scaricare tutto il fluido. Questo porta ad alcune fuoriuscite sopra l'occhio e lungo il viso.

Si ritiene che il pianto sia un meccanismo che abbiamo avuto fin dai tempi più remoti. Può essere un modo per dimostrare che abbiamo bisogno di aiuto o segnalare un pericolo. Può anche essere un meccanismo di difesa per far sentire i nostri nemici dispiaciuti per noi e mostrare pietà.

I bambini piangono per comunicare che hanno bisogno di qualcosa, come il cibo o il sonno. Ma i ricercatori credono che già all'età di dieci mesi si inizi a usare il pianto a scopo manipolativo.

Si dice che il pianto abbia un potere di guarigione. Ma c'è qualcosa di vero in questo? Alcuni ricercatori sostengono che quando si piange ci si libera delle sostanze chimiche inutili che si accumulano nel corpo quando si è stressati.
Il pianto scatena anche ormoni che riducono il dolore e ti rendono più felice.

Come ti senti quando piangi? Ti fa guarire o non piangi quasi mai?

Ditecelo nei commenti.

Influenza il tuo mondo,

Team Toluna
Rispondi

luisades

  5 mesi fa
ce ne è bisogno
0 commenti

pakoespo

  5 mesi fa
Il pianto, è sottolineare un particolare e alto stato d animo. Si piange di gioia, come sia piange per un dolore.
0 commenti

tradivoi

  5 mesi fa
triste è raro che qualcuno pianga di gioia.
0 commenti

Mirieleale

  5 mesi fa
Io sono una "piagnona"..piango per tristezza, per nervoso e anche per felicità. Mi commuovo davanti a una tenerezza di mia figlia, ad un abbraccio, ad un film struggente. A volte mi vergogno di piangere, preferisco farlo da sola, lontana da sguardi (e giudizi) altrui. Sono molto sensibile per cui a volte mi basta davvero poco per stare male e piangere.. però dopo un bel pianto normalmente mi sento meglio e mi tolgo quel senso di magone e di inquietudine che avevo prima di "aprire i rubinetti".
0 commenti

NightFairy

  5 mesi fa
Io piango sempre e poi mi sento meglio!!! Piangere fa bene...
0 commenti

giuliagenovesi0

  5 mesi fa
Non riesco mai a piangere neanche quando un familiare ci lascia, sento
un gran peso sullo stomaco,e le lacrime che salgono ma non escono.
Strano vero ?
0 commenti

Ludmilla

  5 mesi fa
Piangere per me è soprattutto un sistema per scaricare un po' di dolore e sicuramente tanto stress. A volte mi sento meglio dopo, ma non sempre.
0 commenti

Amrani96

  5 mesi fa
X togliere il peso dal cervello
0 commenti

sandri-valentina

  5 mesi fa
Piango quando provo forti emozioni, poi mi sento svuotata e stanca, sicuramente serve per scaricare le tensioni... Invece quando taglio le cipolle è moooolto fastidioso piangere
0 commenti

bedolflix

  5 mesi fa
Piango abbastanza spesso, a volte anche per pochi attimi, quando mi commuovo per un'emozione, un film, una storia triste o struggente, e quando sono triste o sconfortata piango più a lungo. In tutti i casi, mi fa sentire molto meglio ed effettivamente è come se mi rigenerasse, come se dopo fossi più lucida per affrontare la realtà e avessi riacquistato le mie energie. Pur essendo una cosa naturale, mi vergogno sempre un po' a piangere in pubblico. Per fortuna, mi capita anche di piangere dal ridere, in particolare quando guardo i comici in televisione. :)
0 commenti
Copiato negli appunti

1   Chi ti segue

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica