Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

TeamTolunaItalia

  2 mesi fa

Perché la fame nel mondo è ancora un problema?
Chiudi

Perché nel mondo ci sono ancora tante persone che vivono ancora oggi nella fame? Come potremmo liberarci della fame per sempre? C'è abbastanza cibo nel mondo per nutrire lo stomaco di tutti, ma per vari motivi il cibo non arriva a tutti.

Nei paesi ricchi la fame che le persone soffrono di solito è facilmente soddisfatta solo mangiando qualcosa - raramente dobbiamo andare in giro affamati per un periodo di tempo molto lungo. La fame prolungata porta a problemi, poiché il corpo fatica a mantenere i livelli di zucchero nel sangue per fornire energia al cervello e ad altri organi vitali. Quando l'accesso all'energia diminuisce, il corpo inizia invece a utilizzare le sue fonti interne - se stesso.

In età precoce la fame può portare a disturbi fisici e mentali. Pertanto, la malnutrizione è la ragione per cui 151 milioni di bambini sono visibilmente sottosviluppati. La conseguenza invisibile della fame cronica è che impedisce ai bambini di diventare adulti sani e può danneggiare il cervello e il sistema immunitario.

Fame e povertà vanno di pari passo. Man mano che la povertà diminuisce, un numero maggiore di persone può permettersi il cibo. Il mercato mondiale funziona in modo che il cibo trovi i luoghi dove c'è potere d'acquisto, e man mano che il tenore di vita aumenta e la povertà diminuisce, c'è anche cibo da comprare. La produzione alimentare nel mondo è cresciuta allo stesso ritmo o anche leggermente più velocemente di quanto la popolazione sia aumentata negli ultimi 40-50 anni. Dovrebbe esserci cibo a sufficienza per tutti. Noi produciamo di più e il cibo è più accessibile - per coloro che possono pagarlo.

Anche se di solito un paese è in grado di produrre da solo cibo a sufficienza, le comunità deboli sono particolarmente vulnerabili alle crisi improvvise e quindi la produzione di cibo diventa troppo scarsa. Inoltre, molti paesi africani sono completamente dipendenti dalle importazioni di cibo, poiché alcuni alimenti semplicemente non possono essere coltivati, per esempio a causa della mancanza di acqua o di terreno fertile.

Quale pensate sia la causa principale della fame nel mondo e quale potrebbe essere la soluzione per diminuirla?

Fateci sapere nei commenti qui sotto!

Influenzate il vostro mondo,

Team Toluna
Rispondi

bergoglio

  2 mesi fa
La fame nel mondo è solo un problema di corruzione ed incapacità di gestire il mondo.
Le terre coltivabili ci sono, ma se non si creano i presupposti per lo sviluppo agricolo la gente continuerà a soffrire la fame.
Non sono gli aiuti che mancano, sono come vengono gestiti ! ! !
0 commenti

teolirita

  2 mesi fa
Penso che oltre agli aiuti sia necessario implementare la tecnologia per le coltivazioni anche in regioni "difficili" (penso alle colture bioponiche per esempio) in modo da aiutare chi ha bisogno anche a coltivare in autonomia. Poi ci vorrebbero dei governi davvero vicini al loro popolo che, anzichè far sparire gli aiuti nei loro conti personali, investissero in strutture, lavoro, agricoltura. E' una vecchissima storia triste di cinismo umano e sfruttamento.
0 commenti

cypekiss

  2 mesi fa
Perche gli aiuti humanitari sono senza controllo e penso un negozio. Ci sono più documentary di aiuto agli animali che alle persone.
0 commenti

L6477084p

  2 mesi fa
Purtroppo anche gli aiuti ai governi non credo arrivino a chi davvero ne ha bisogno. E' un argomento attuale e tristissimo, un pensiero di solidarietà per chi soffre quotidianamente.
0 commenti

domenicotroia

  2 mesi fa
Nei paesi sottosviluppati dell' asia, l' africa, e l' america latina dove si patisce maggiormente la fame, vi è uno stretto collegamento con alcune malattie e infezioni come la tubercolosi, il morbillo e la diarrea, questa combinazione indebbolisce il metabolismo, di conseguenza non hanno le forze necessarie per svolgere nessun tipo di lavoro e quindi non possono procurarsi cibo, si entra in un circolo vizzioso la trappola della povertà da cui è difficile uscirne. Le cause sono molteplici perché i paesi del terzo mondo non hanno la possibilità di investire nell' agricoltura, ci sono strade in pessime condizioni, mancano strutture e magazzini, sistemi d' irrigazione, macchinari, in oltre non c'è disponibilità d' acqua potabile a questo si aggiungono le calamità naturali più intensificate dai cambiamenti climatici come la siccità, tempeste tropicali, alluvioni e le guerre e conflitti dove il cibo diventa un arma che viene distrutto per danneggiare il nemico inquinando anche le fonti d' acqua. Altra causa e l' instabilità dei mercati che fa in modo che i paesi più poveri non riescono ad avere accesso al cibo durante tutto l'anno ma solo quando il costo è più basso di conseguenza le persone mangiano cibi più economici e meno nutrienti, sempre se riescono a procurarselo. I dati parlano chiaro, nei paesi più sviluppati dove esiste il problema dell' obesità e lo spreco di cibo e pari a circa 1,3 miliardi di tonnellate che potrebbe rifornire i paesi del terzo mondo, per il verso opposto una persona su otto soffre di fame cronica. Bisogna fermare la fame nel mondo soprattutto se si è accorrente di certe situazioni come nel ciad dove alcune comunità si sono ridotte a scavare nelle tane delle formiche per trovare qualche chicco di grano. Un altra situazione avversa è causata dal cambiamento climatico che come si è parlato diverse volte ha fatto avanzare il deserto diminuendo la terra coltivabile, oltre recare danni all' agricoltura a recato danni anche a molte specie animali in tutto il mondo creando scarsità di cibo non solo per loro ma anche per l' uomo, la soluzione si potrebbe trovare nella ricostruzione di boschi artificiali utilizzando l'acqua di mare dissalata da apposite macchine per irrigare, tenerlo in vita, e al suo interno creare degli appezzamenti di terreno coltivabili. Gli alberi sono di aiuto per la siccità perché rallentano il flusso d' acqua facendola filtrare delicatamente attraverso il suolo, garantendo stabili forniture per tutto l'anno, anche durante le stagioni più aride. Come ogni organismo vivente gli alberi traspirano, e cosi facendo aumentano i livelli di umidità nell' aria, che alla fine porteranno pioggia.
0 commenti

K3404721g

  2 mesi fa
Secondo me la fame nel mondo dipende anche dai "potenti", a qualcuno fa comodo avere paesi impoveriti dove regna l'ignoranza. Sono anni e anni che si combatte a questo problema e le cose dovrebbero essere cambiate e invece no, abbiamo portato agricoltura e allevamento in questi paesi, acqua e ancora ogni giorno adulti e bambini muoiono di fame. Credo che in questo mondo certe cose non cambieranno mai, c'è chi manda soldi in questi paesi e a volte nemmeno arrivano a destinazione.....io penso ci sia troppo interesse a fare andare le cose in questo modo a discapito dei più deboli e poveri.
1 commenti

pasquaconvertini

  2 mesi fa
È assurdo che si possa ancora soffrire per la fame eppure accade...le cause possono essere molteplici e non interessano solo i paesi in via di sviluppo ma, paradossalmente, anche i nostri.Ancora molta gente non può permettersi un pasto caldo ne' tantomeno un posto in cui stare.La soluzione dovrebbero offrirla i governi poiché nutrirsi è un diritto di tutti
0 commenti

S3416626g

  2 mesi fa
I dati forniti da alcune organizzazioni mondiali evidenziano come la denutrizione nel mondo sia essenzialmente provocata dall'ingiusta ripartizione delle risorse e dallo spreco alimentare. Circa un terzo del cibo prodotto sul pianeta viene gettato senza neanche arrivare alla tavola. Secondo la Fao nel mondo il 45% di frutta e verdura viene buttato. Gli Stati Uniti da soli sprecano ogni anno 46 milioni di tonnellate di cibo e l'ingente percentuale globale dello spreco basterebbe a risolvere in gran parte il problema. C è chi stenta a nutrirsi e chi mangia troppo: nei paesi ricchi sovrappeso e obesità continuano ad aumentare tra i bambini in età scolare e gli adulti. Un problema gravissimo che a livello globale e anche individuale potrebbe essere limitato o risolto. Utopia in un mondo dominato dalle multinazionali e dal capitale? Spero di no.
0 commenti

A2490861e

  2 mesi fa
La ragione dal mio punto di vista è legata al la " fame di potere " di personaggi avidi e prepotenti che alimentano questa disparità secondo il principio del " non c'è ricchezza senza povertà"...per cui piú c'è gente desiderosa di fame di potere e più ci sarà gente che muore di fame vera!!!
0 commenti

bedolflix

  2 mesi fa
È chiaro che il problema è l'enorme disponibilità di cibo in alcuni paesi e aree del mondo, e la totale mancanza in altri, unita alle regole e all'andamento del mercato, ma è chiaro che interessi economici che vorrebbero i paesi del Sud del mondo perennemente sfruttati per le loro risorse e i loro terreni, laddove adatti alla coltivazione, e mai autonomi, capaci, come l'India e la Cina, di intraprendere una crescita indipendente capace di migliorare le loro condizioni di vita e renderli paesi più forti, giocano un ruolo altrettanto importante perché significherebbe un minore controllo e dominio economico per i paesi industrializzati, in particolare le superpotenze mondiali. È possibile che esistano altri fattori che contribuiscono a causare la fame nel mondo, ma non sono in grado di determinarli. Credo che il modo per diminuirla rimanga permettere ai paesi più poveri, carenti di risorse e disagiati la crescita e l'indipendenza, consentendo loro di essere autonomi dagli aiuti economici e svilupparsi, ma se questo finora non è stato fatto, è perché non sarebbe redditizio per gli Stati Uniti e i paesi più ricchi dell'Europa e dell'Asia, che in questo modo avrebbero anche dei competitor in più sulla scena del controllo delle risorse mondiali.
0 commenti
Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica