Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

Migliaia di tonnellate di carburante diesel stanno minacciando la natura a Norilsk, nella Siberia orientale.

Le autorità russe hanno riconosciuto che la compagnia petrolifera responsabile dell'inquinamento nel nord del paese ha nascosto loro l'entità della fuoriuscita di petrolio, che potrebbe essere il terzo disastro petrolifero della storia, secondo l'organizzazione ambientale Greenpeace. Il ministro russo dell'emergenza Sergei Shoigu ha accusato la compagnia petrolifera locale KomiNeft di aver nascosto alle autorità centrali la verità sull'entità delle perdite in un oleodotto artico.

Fino a questo momento (10 giugno 2020) 21.000 tonnellate hanno annerito il fiume Ambarnaya. Il caso peggiora perché la fuoriuscita ha reagito al lago Pyasino, un bellissimo lago lungo 80 km, cruciale per la biodiversità della zona e che si getta nell'oceano Artico.
In questo momento, il tempo stringe e le autorità russe devono agire in fretta perché la compagnia mineraria non ha fornito informazioni precise sulla fuoriuscita. Diversi Paesi, come gli Stati Uniti, hanno offerto aiuti internazionali, ma le loro offerte sono arrivate a vuoto.

L'esperto Roman Netzer ha parlato ai media di ciò che andrebbe fatto e questo è ciò che ha detto: "In generale, si dovrebbe raccogliere quanto più petrolio possibile. Questo funziona solo se può essere fatto funzionare entro un certo tempo, poiché il petrolio ha componenti tossici che sono solubili in acqua". Ha anche detto che la natura potrebbe impiegare almeno 10 anni per riprendersi dal disastro.

Ritenete che l'uso del petrolio, della benzina, della plastica e dei suoi derivati deve essere fermato per evitare che si verifichino altri disastri come questo?

Cosa state facendo per ridurre il consumo di prodotti derivati dal petrolio come la plastica e il carburante?

Lasciate le vostre opinioni qui sotto!

Influenzate il vostro mondo,

Team Toluna
Rispondi

C3238117

  19 mesi fa
Troppe cose, ci vengono nascoste, la mafia , purtroppo si trova d'appertutto
0 commenti

E9248574

  19 mesi fa
Difficile fermare il business che sta intorno a queste materie prime, si devono trovare alternative, ce ne sono di sicuro ma non le useranno fino a quando non trovano anche in queste un proficuo profitto. Io nel mio piccolo riciclo più che posso, se posso non uso l'auto, evito di comprare troppa plastica, ma l'impegno dei cittadini non basterà mai perché la situazione c'è l'hanno in mano i potenti.
0 commenti

Ludmilla

  19 mesi fa
Il petrolio non fa notizia solo quando inquina e certo questo non è l'unico grave incidente, ma è causa di selvagge guerre economiche, di corruzione e di molti mali che spesso ci vengono nascosti. E' ora di favorire la transizione verso le energie rinnovabili e sostenibili, finora frenate dagli interessi delle lobby dei petrolieri, che per inciso, abbiamo anche in casa nostra.
0 commenti

Amrani96

  19 mesi fa
Che dire.
0 commenti

Carmelina74

  19 mesi fa
Ci indigniamo, ma tutti ,per comodità usiamo carburante e plastica
0 commenti

teolirita

  19 mesi fa
Eh ma basta, finchè esisteranno queste aziende e i loro squallidi dirigenti non salveremo mai il pianeta. Certo che bisogna ridurre l'impiego del petrolio, fomenta guerre e inquina. Bisogna sviluppare tecnologie ecosostenibili, per le auto, per i packaging, per il riscaldamento. Nuove forme biodegradabili di civiltà. Non ne posso più di queste notizie.
0 commenti

bedolflix

  19 mesi fa
Non sapevo che la plastica, tra i suoi svantaggi, avesse anche quello di essere un prodotto derivato dal petrolio. La portata di questo disastro, al pari dei precedenti, sarà enorme, e se in futuro, per evitare che accadano altri incidenti come questo, sarà necessario bloccare la produzione del petrolio e dei suoi derivati, che lo si faccia al più presto. Io e la mia famiglia non abbiamo più un'auto da diversi anni e cerchiamo di usare la plastica il meno possibile, ma non sempre, purtroppo, è possibile farne a meno.
2 commenti

rominataccori73

  19 mesi fa
Non è la prima volta che i russi fanno danni all 'ecosistema e cercano di nascondere, non dimentichiamo Chernobyl
0 commenti

anuanna

  19 mesi fa
che disastro
0 commenti

R9761370ROSALIA_AMATO

  19 mesi fa
Si ho sentito questa notizia, un'ennesimo danno per l'ambiente!
0 commenti
Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica