Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

TeamTolunaItalia

  18 mesi fa

La realtà virtuale salverà il turismo?
Chiudi

A causa della pandemia di Covid-19, molti viaggi internazionali sono stati cancellati. Gli alberghi delle località turistiche più popolari sono ancora vuoti e non c'è quasi nessun turista da vedere.

Secondo l'Associazione Internazionale del Trasporto Aereo, le compagnie aeree trasportano solo il 10% circa del normale traffico passeggeri e il traffico internazionale è di fatto quasi scomparso. L'associazione stima che circa 41 milioni di dipendenti nel settore dei viaggi e del turismo rischiano di perdere il lavoro a causa della pandemia. Inoltre, la IATA prevede che il settore dei viaggi non raggiungerà il livello pre-pandemia fino al 2024.

A causa dell'assenza di visitatori, gli enti turistici, le destinazioni e gli hotel sono obbligati a cercare soluzioni creative per sopravvivere. Pertanto, ora si stanno rivolgendo alla realtà virtuale per offrire un'esperienza di viaggio alternativa. In questo modo sperano di suscitare l'interesse dei potenziali turisti.

Ralph Hollister, analista turistico di Global Data e autore di un rapporto sulle applicazioni di VR nel turismo, ha detto: "Più questa pandemia va avanti, più alta è la possibilità che la VR possa diventare una valida forma di viaggio alternativo, man mano che i consumatori si abituano a questa tecnologia".

Un certo numero di paesi hanno già introdotto la realtà virtuale nella loro strategia di marketing e sperano che questo aiuti le loro industrie turistiche a riprendersi. La Germania, ad esempio, ha presentato numerosi progetti per promuovere il paese come potenziale destinazione di viaggio. "Le applicazioni digitali non possono, e non sono destinate a sostituire l'esperienza dei viaggi nel mondo reale", ha detto l'amministratore delegato dell'Ente Nazionale Tedesco per il Turismo Petra Hedorfer. "Ma le applicazioni VR e AR (realtà aumentata) sono elementi essenziali per mantenere vivo l'interesse per la Destinazione Germania durante le restrizioni di viaggio, facendo sì che i potenziali clienti siano entusiasti del nostro prodotto e fornendo ispirazione per i viaggi nel mondo reale".

I funzionari del turismo irlandese utilizzavano già la realtà virtuale prima dell'inizio della pandemia. Hanno creato un'esperienza di realtà virtuale in due parti per promuovere le località turistiche dell'Isola del Nord, per esempio evidenziando il ruolo del paese come sfondo per il Game of Thrones di HBO.

Le Maldive stanno usando VR per mostrare ai potenziali visitatori le esperienze possibili sull'isola, per esempio lo snorkeling, le lezioni di cucina o lo yoga mattutino in spiaggia.

È ancora troppo presto per questi paesi per scoprire se il loro investimento è proficuo, dato che il settore dei viaggi è ancora fermo. Per ora, rimane un mistero quante persone prenoteranno effettivamente i biglietti e visiteranno l'isola dopo aver visto virtualmente una destinazione,

Miguel Flecha, esperto di viaggi e ospitalità di Madrid per la società di consulenza multinazionale Accenture, è positivo sull'effetto potenziale. Ritiene che VR aiuterà a familiarizzare i turisti con i nuovi ambienti e a ricostruire la fiducia dei consumatori.

"Quando inizieremo a riprenderci, ci saranno segmenti della popolazione che saranno disposti a viaggiare come matti. I più giovani prenoteranno i voli il prima possibile, ma altri segmenti della popolazione non si sentiranno molto a proprio agio", dice Flecha. "Potrebbero essere mostrate loro le misure di salute e sicurezza, o il processo di check-in in un hotel nella nuova realtà in modo che si sentano più sicuri, o il processo di imbarco su un volo o una crociera".

Credete che la realtà virtuale aiuterà le destinazioni di viaggio a riprendersi dopo la pandemia?

Sareste interessati a provare il turismo della realtà virtuale?

Fatecelo sapere nei commenti qui sotto!

Team Toluna
Rispondi

morenotrentin

  18 mesi fa
Interessante ... ma gli occhi che vedono la Realtà, sono un altra cosa !!! e sempre lo saranno !!!
Certo per chi non si può muovere sarebbe una cosa importante, potrebbe girare il mondo stando a casa
0 commenti

cinnamonit

  18 mesi fa
I voli sono 1/10 rispetto a prima, SEMPRE mezzi vuoti e I voli intercontinentali AZZERATI....gira qualche Emirates e Qatar x il resto....aeroporti DESERTI...
0 commenti

L9902168z

  18 mesi fa
Stiamo vivendo tutti una situazione davvero drammatica e che mai ci saremmo aspettati di vivere.... io credo che attraverso la realtà virtuale si potrebbe avere la possibilità di conoscere tutti quei posti che abbiamo sempre sognato di visitare... e che in questo periodo non possiamo toccare con mano... sperando che un giorno tutto questo finisca e si possa tornare a viaggiare in piena libertà..
0 commenti

merelli

  18 mesi fa
PRIMA DI TUTTO CHIEDIAMOCI A CHI E' CONVENUTO DIFFONDERE LA PANDEMIA A LIVELLO MONDIALE DOPO CHE ERA PARTITA IN UN PAESE E POI E' SFUGGITA DI MANO. dopo di che prendiamo atto che la pandemia esiste e chiudiamo tutto per 3 mesi o 6 mesi, attiviamo gli ammortizzatori sociali in tutto il mondo e vediamo come va a finire la storia. solo che i governi devono decidere e debbono assumersi la loro responsabilità. le soluzioni intermedie, all'italiana, non servono a nessuno e non servano a nulla poiché tutto è lasciato in balia dei singoli che devono decidere, poiché nemmeno le regioni, un vero fallimento, sanno prendersi responsabilità e decisioni al riguardo facendo forza CONTRO IL GOVERNO legittimo ma inconcludente che semina solo panico e confusioni tra i cittadini.
0 commenti

angelopattavina

  18 mesi fa
non credo che la realtà virtuale possa mai sostituire l'esperienza reale
0 commenti

pippo151964

  18 mesi fa
il viaggio virtuale non potrà mai sostituire il viaggio vero!
Come potrebbe sostituire tutte qualle sensazioni che derivano dall'esserci di persona ... il contatto umano, la visione diretta o profumi/odori che possono essere tipici di un luogo.
Il tour virtuale può servire per dare un'idea di un determinato luogo ma non riuscirà mai a sostituirsi.
0 commenti

Fraggix

  18 mesi fa
Interessante ... ma gli occhi che vedono la Realtà, sono un altra cosa !!! e sempre lo saranno !!!
Certo per chi non si può muovere sarebbe una cosa importante, potrebbe girare il mondo stando a casa :-)
0 commenti

hausern

  18 mesi fa
non penso he la realtà virtuale possa sostituire la realtà
0 commenti

AniaBI

  18 mesi fa
Realtà virtuale può aiutare il settore turistico. Mi piacerebbe provarlo. Sarà ottimo mezzo per conoscere i posti che successivamente si potrà vedere al vivo.
Ottimo mezzo di "preliminari" nella turistica.
0 commenti

francescaprovenza

  18 mesi fa
La realtà virtuale può essere un mezzo pubblicitario per attirare turisti, ma non potrà mai sostituirsi all’esperienza stessa. Pertanto non può salvare il turismo, ma soltanto potenziarlo, quando finalmente saremo liberi!
0 commenti
Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica