Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

Protovit2.0

  8 mesi fa

#divertimentoascuola
Chiudi

Ricordo che ero alle superiori, Liceo Scientifico, secondo anno.
Per un certo periodo quelli delle classi più grandi, alcuni ragazzi della 3.a C, dei buontemponi, mi avevano cominciato a prendere in giro.
Ogni giorno che suonava il campanello, nel corridoio della mia sezione, si posizionavano, chi da un lato e chi da un altro del corridoio, e quando io passavo per entrare in aula, avevano cominciato ad appellarmi "Lulù" ed altre sciocchezze simili. Non ne ho mai capito il perchè, forse a causa del mio apparire fragile ed senza difese ai loro occhi, quindi utile da dare in pasto al branco.
Ma non conoscevano la mia forza di volontà e la mia decisa avversità per i soprusi.
Bene. Dopo un pò di tempo che questa storia continuava, un giorno mi decisi e mi recai in presidenza.
Vi trovai la vicepreside dell'istituto, una signora di una certa età. sposata e con prole, che però era mooooolto bassa (sarà stata alta 120 centimetri o giù di lì) e che quindi, ne avevo la certezza, avrebbe solidarizzato con me per via del body shaming che anche lei aveva subito da ragazza e nell'arco della sua vita.
E fu così. Mi disse: "vieni in terza C con me e mostrami tutti questi valorosi giovanotti che ti danno fastidio". Così facemmo. Ci recammo in 3.a C. Appena entrammo, nel bel mezzo di una lezione, già gli sguardi erano atterriti, anche perchè la vicepreside era una loro insegnante di italiano, e poi godeva di una certa autorità e severità. Una signora all'antica, anche perchè tutto questo permessivismo che c'è adesso nella scuola del tempo in cui vi narro, non era neanche in gestazione.
Mi chiese: " chi sono questi ragazzi che ti danno fastidio" ed io con tutta la soddisfazione che mi potevo prendere, additai, si puntai il mio dito indice contro ogni ragazzo che le mattine mi bullizzava, come solesi dire oggi.
Ed alla fine chiosò: "se vengo a sapere che qualcuno di voi, dal prossimo minuto, continua a dare fastidio, vi faccio vedere i sorci verdi". Dalla mattina seguente nessuno osò più fiatare.
Ah che grande soddisfazione e che risate che mi faccio ancora oggi ripensando a quell'episodio! Che adesso reputo divertente, per me, ma non per loro che passarono un brutto quarto d'ora.
Rispondi

Ettorino

  8 mesi fa
Buon pomeriggio
1 commenti

Protovit2.0

  8 mesi fa
N.b. La foto è presa da internet. Ma rispecchia molto bene l'epoca ed il contesto di cui vi parlo.
mi ricordo ancora quelle felpe... :))
0 commenti

Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica