Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

Fabry968

  1 mese/i fa

Giovanni Falcone, con la moglie e la scorta, fu assassinato il 23 maggio 1992. Così non poté andare a Mosca, come programmato, il 6 giugno seguente, per coordinarsi con il procuratore di Mosca Valentin Stepankov.
Chiudi

Pagina 19 del Corriere della Sera del 4 giugno 1992. Falcone era stato assassinato brutalmente da appena 11 giorni. Quel giorno vennero a Roma i magistrati russi per fare luce sui fondi neri del PCUS transitati nel PCI. Marco Nese scriveva questo a proposito dell’inchiesta:

“Se le carte dei russi sono veritiere, dal punto di vista giudiziario (per i responsabili del PCI-PDS n.d.r.) non si configurano solo il reato di violazione della legge sul finanziamento dei partiti. Ci sono anche illeciti tributari e falsi in bilancio. Dai documenti pare non risulti una clausola speciale. Se venisse confermata, sarebbe un fatto clamoroso. Si tratta di questo: i soldi arrivavano a condizione che il PCI seguisse in certe occasioni la linea dettata da Mosca.”

Non possiamo poi dimenticare cosa scriveva certa stampa:

 “Da qualche tempo”, scriveva, circa quattro mesi prima dell'assassinio di Falcone, Sandro Viola su Repubblica “sta diventando difficile guardare al giudice Falcone con il rispetto che sì era guadagnato” ....

Ancora peggio non dimentichiamo che dopo la morte di Falcone e Borsellino, tutti i fascicoli dell’inchiesta di Mosca e di Stepankov furono trasmessi alla procura di Roma dal procuratore generale (di Palermo) dr Ugo Giudiceandrea ma, chissa perché... nessuno ne ha più parlato... l’inchiesta Mafia e Appalti di Falcone e Borsellino fu praticamente ‘archiviata’ dopo l'uccisione dei due magistrati.

Evidentemente "la verità morì fanciulla"...
Rispondi

s6651641q66

  1 mese/i fa
era mal visto dalla stessa magistratura.....e siamo sicuri che la mafia non è stata pagata da qualcuno? vedi DELLA CHIESA venuto a roma....tornato a Palermo stessa fine
1 commenti

Taproot

  1 mese/i fa
In politica e in "burattineria" il più sano ha la rogna. Ciao Fabry.
2 commenti

boucheron

  1 mese/i fa
Ciao Fab non mi fa nessuna meraviglia nessuna delle due cose: che il PCI ricevesse direttive e non solo da Mosca e che il tutto sia finito nella stanza del dimenticatoio.... Storia vecchia come il Cucco!!! Poi i russi hanno messo il becco dappertutto e non solo con la sinistra, ma anche con l'estrema destra vedi Fpo austriaco... E la lista è lunga, molto lunga.... Buonanotte
2 commenti

joker1261

  1 mese/i fa
Vallo a spiegare al tuo amico orsacchiotto questo fine settimana, per sentire cosa ti dice !:)
0 commenti

Copiato negli appunti

1   Chi ti segue

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica