Share Voto rapido

Poll link

500 px
350 px
250 px
Anteprima

Anteprima del widget:

Larghezza - pixel Peso - pixel

Chiudi l'anteprima
! Stai utilizzando un browser non supportato La versione del tuo browser non è ottimizzata per Toluna, ti raccomandiamo di installare l'ultima versione Aggiornamento
Le nostre Politiche sulla Privacy regolano la tua membership nel nostro Panel di Influencers, le quali possono essere consultate cliccando qui. Il nostro sito internet utilizza cookies. Come nel mondo offline, i cookie rendono tutto migliore! Per conoscere di più riguardo i cookie che utilizziamo, visita le nostre Politiche sui Cookie.

Selenys

  2 mesi fa

Il lato oscuro della corsa alla transizione green

Tra un po' potremmo tutti sfrecciare liberamente a bordo delle nostre belle auto elettriche usando l'ultimo modello di cellulare...

Ma c'è il rovescio della medaglia:
"In Congo centinaia di migliaia di persone scavano ogni giorno nelle miniere, persone muoiono per le cattive condizioni di lavoro, decine di bambini nascono con malformazioni."

In Congo, il principale produttore al mondo di cobalto, uno dei componenti indispensabili per fabbricare le batterie, i minatori, molto spesso bambini, lavorano in condizione disumane per estrarre il minerale.

Come si dice... Non è tutto oro quel che luccica.

Notizie di qualche mese fa:

https://www.repubblica.it/esteri/2021/12/02/news/corsa_al_cobalto_del_congo_il_diamante_insanguinato_dell_economia_verde_-328719568/


https://www.avvenire.it/economiacivile/pagine/il-traguardo-del-cobalto-etico
Rispondi
Commenta

renedrive

  2 mesi fa
L'Italia è il paese delle notizie vecchie e obsolete. I media vivono nelle ragnatele delle vecchie informazioni. Sui veicoli elettrici le notizie che in Italia ancora girano oggi erano per la maggior parte false o imprecise già 10 anni fa, ora sono antiche. Il Cobalto è uno di questi. Nessuno sa che la percentuale di cobalto nelle nuove batterie è così minimo che è quasi trascurabile e addirittura che sono già utilizzate chimiche di batterie per mobilità che NON contengo più Cobalto, perché costoso. Nessuno sa che invece grandi quantità di Cobalto vengono usate per la raffinazione del petrolio per ottenere i carburanti fossili che usiamo, e che non sono sostenibili e riciclabili. Nessuno sa che quel poco Cobalto presente in alcune batterie viene riciclato, riutilizzato e che quindi ne servirà sempre meno da acquistare come nuovo raccolto. Nessuno sa che ogni giorno miniere illegali vengono chiuse in tutto il mondo, compreso Congo. Nessuno sa che miniere illegali ce ne sono per qualsiasi minerale, compresi diamanti, marmo ed altri prodotti a cui non si fa nessuna colpa di esistere. Nessuno pensa al Cobalto quando si pensa a cambiare il proprio cellulare, e nessuno ragiona sul motivo per cui si è portati a colpevolizzare l'acquisto di un veicolo elettrico ma non quello di uno smartphone o un tablet o computer. Insomma, l'ingenuità delle menti della popolazione le porta facilmente ad essere programmati a credere a fantasia invece che cercare la verità, e vivendo di fantasie non si accorgono di vivere in una favola invece che nella realtà. Rispondi
2 commenti

R9761370ROSALIA_AMATO

  2 mesi fa
Allora, non appena gli Stati Uniti finiranno la guerra in Ucraina cominceranno la guerra in Congo, per appropriarsi di concessioni per materie, se non no fanno! Rispondi
2 commenti

Ziapi

  2 mesi fa
Hai ragione ma non solo per le batterie. Il Congo ha questi metalli rari che servono anche per i cellulari e per le "nostre" tecnologie avanzate. A proposito delle batterie, tra una ventina d'anni, come le smaltiremo tutte le batterie esaurite? Ahinoi! Rispondi
1 commenti

macheroba

  2 mesi fa
Non dobbiamo meravigliarci, c'è chi sfrutta e chi viene sfruttato, quale stato sul pianeta può dirsi innocente, l'avidità, la sete di potere e la malvagità esistono e ormai viviamo cosi' e non facciamo niente Rispondi
1 commenti

nevathrad

  2 mesi fa
Dunque... il Congo è pieno di ricchezze... caucciù, oro, diamanti, petrolio, uranio, cobalto, coltan, terre rare, rame, zinco, stagno, argento, carbone, manganese, tungsteno, cadmio.
E' evidente che i componenti del loro governo sono come quelli del nostro, si fanno gli affari loro e chi vuole Cristo se lo preghi.
Rispondi
1 commenti

Taproot

  2 mesi fa
Di certo è tutto loro quello che luccica. Loro, dei soliti faccendieri. Rispondi
4 commenti

Fjorile

  2 mesi fa
ci siamo evoluti, ma il progresso che ci ha portato benessere (almeno dalle parti occidentali) ha avuto un prezzo altissimo. Ora corriamo ai ripari con nuovi mezzi per tappare buchi creati da sistemi sbagliati. In fondo non è cambiato nulla dall'origine della specie: sfruttatori, sfruttati e tanti danni per il benessere economico di pochi. Eppure il liberismo economico era la strada migliore (in teoria). Rispondi
0 commenti

boucheron

  2 mesi fa
Penso che un lato oscuro o orribile ci sia sempre e ci sia sempre stato,ma quello che mi piacerebbe vedere un miglioramento nel nostro fare le cose ed invece lo sfruttamento del più debole permane e permane sempre!D’altra parte non compriamo più petrolio dalla Russia perché questo alimenterebbe ancora di più la guerra,ma ci siamo rivolti a paesi come la Nigeria,pensando che il denaro finirà in beneficenza?È una storia infinita….ciao Sel Rispondi
3 commenti

dani.lu.

  2 mesi fa
Ecco quello che penso io!si toppa un buco e se ne apre un'altro,questa è la nostra società e questo è. Il progresso,ma siamo sicuri?per me è autodistruzione. Rispondi
2 commenti

Copiato negli appunti

Alcune cose prima di iniziare

Per creare dei contenuti nella community

Verifica la tua mail/ re-invia
Un'occhiata in giro

OK
Annulla
L'opzione per effettuare il log-in tramite Facebook è stata disabilitata. Chiediamo gentilmente di inserire la propria e-mail con la quale si è registrati su Facebook al fine di ricevere nella casella di posta della suddetta un link per impostare la propria password di Toluna.
Inserisci un/a Email valido/a
Annulla
Attendi un attimo...
Quando carichi una foto, il nostro sito diventa migliore.
Carica